BlogItalia - La directory italiana dei blog Aggregatore di blog http://www.wikio.it Malus I. Lo scoccare delle ore, 10. | mostriciattoli-di-Malus | Mostriciattoli di Malus | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

 
mostriciattoli-di-Malus 
dal romanzo Malus di N.L.M.Latteri Scholten
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Mostriciattoli On-Line
Chiacchiere dal castello di Tenebricus
  cerca

Noi siamo i personaggi del romanzo Malus di N.Latteri Scholten. Ovviamente il romanzo è coperto da copyright su testo e immagini.
Puoi leggere i primi capitoli qui: ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=992279

*

 Pur essendo un romanzo ironico e giocoso Malus è uno specchio usato per mettere in luce i gravi pericoli che minacciano il nostro mondo e la nostra società, è al tempo stesso un deciso e mordace attacco ai poteri forti, alle loro maschere ed ai metodi nascosti usati per ridurre il mondo, ed in particolare i giovani, al silenzio e non fare capire cosa stia realmente accadendo e per quali vie si stia realizzando.
Clicka sul lupo e ci troverai x_95e65b2 ci trovate anche sul nostro Blog principale http://mostriciattoli2.blogspot.com http://n-latteri-scholten.blogspot.it http://http://www.nlatterischolten.eu/word http://mostriciattolion-line.myblog.it Facebook: https://www.facebook.com/NLatteriScholten?


 

diario |
 
Diario
1visite.

17 novembre 2011

Malus I. Lo scoccare delle ore, 10.

           

Lasciata la stanza, Desirée vagò triste senza meta per sale spoglie e silenziose, seguita soltanto dalla guardia che sembrava essere diventata la sua ombra, finché un orrendo odore di topo putrefatto le se­gnalò la presenza dei mostri.

« Padrone stato cattivo? »

« Noi te l’avevamo detto ».

« Bimba non deve avere però paura di lui, è tanto buono: ha fatto noi ».

« Fantastico colpo di genio, devo ammetterlo », com­mentò sarcasti­ca Desirée continuando a passeggiare senza dar loro molta retta.

« Noi siamo tanto belli o brutti, dipende dal punto di vi­sta».

« Ha fatto pure di peggio » osò fare notare uno dei più giovani, prima di essere assalito dai compagni per la mancanza di rispetto nei confronti del padrone.

« Vuoi sentire la nostra etica professionale? » domando uno di loro togliendosi rispettosamente la bava dalla bocca e pulendosi le zampe sul petto.

« Non mi va adesso, un’altra volta ». I mostri si zitti­rono e la guar­darono preoccupati.

« L’ha davvero trattata male, se la bimba è tanto triste ».

« Non vuole nemmeno sentire la nostra bella etica pro­fessionale».

« Forse a una bimba piacciono di più altre cose, che non siano per forza dei mostri », suggerì uno di loro.

« Non c’è niente di meglio di noi imbecille!».

« Zitto deficiente! 23 ha ragione.» Ebbe così inizio una vivace consultazione, che si trasformò in una piccola rissa, perché uno di loro scivolò sulla bava facendo cadere gli altri, al termine della quale decisero di mostrarle la sala del trono, ma mentre le saltellavano di­nanzi contenti dell’idea, appar­vero due guerrieri ombra.

« Dicono che è ora di pranzo e che non vi potete ancora stancare molto ».

« Dovete andare subito, è il padrone che lo ordina »,aggiunse un al­tro tristemente.

« Non fa niente, andremo dopo mangiato », li consolò Desirée allontanandosi nel corridoio buio.

Nel pomeriggio riapparvero i piccoli mostri, ben felici di portarla, come pro­messo, a vedere la sala del trono, parlottavano incessantemente tra loro interpellandola di tanto in tanto riguardo alle loro questioni.

« Ma voi come vi chiamate? » li interruppe d’un tratto Desirée.

« Come sarebbe, come ci chiamiamo? »

« Ognuno di noi è contraddistinto da un numero ».

« Sarebbero i numeri di serie con cui ci ha progettati il padrone », precisò l’anziano, specificando di essere il numero 16.

sfoglia
ottobre        dicembre