BlogItalia - La directory italiana dei blog Aggregatore di blog http://www.wikio.it Malus I. Lo scoccare delle ore 12 | mostriciattoli-di-Malus | Mostriciattoli di Malus | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

 
mostriciattoli-di-Malus 
dal romanzo Malus di N.L.M.Latteri Scholten
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Mostriciattoli On-Line
Chiacchiere dal castello di Tenebricus
  cerca

Noi siamo i personaggi del romanzo Malus di N.Latteri Scholten. Ovviamente il romanzo è coperto da copyright su testo e immagini.
Puoi leggere i primi capitoli qui: ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=992279

*

 Pur essendo un romanzo ironico e giocoso Malus è uno specchio usato per mettere in luce i gravi pericoli che minacciano il nostro mondo e la nostra società, è al tempo stesso un deciso e mordace attacco ai poteri forti, alle loro maschere ed ai metodi nascosti usati per ridurre il mondo, ed in particolare i giovani, al silenzio e non fare capire cosa stia realmente accadendo e per quali vie si stia realizzando.
Clicka sul lupo e ci troverai x_95e65b2 ci trovate anche sul nostro Blog principale http://mostriciattoli2.blogspot.com http://n-latteri-scholten.blogspot.it http://http://www.nlatterischolten.eu/word http://mostriciattolion-line.myblog.it Facebook: https://www.facebook.com/NLatteriScholten?


 

diario |
 
Diario
1visite.

10 dicembre 2011

Malus I. Lo scoccare delle ore 12


Entrarono, quelle sale sembravano ancora più silenziose del
restante castello, la passata magnificenza era sbiadita dal passare dei secoli
e dall’azione vento salato che s’insinuava fin lì, avevano qualcosa di ma­linconico,
come se volessero in qualche modo ancora narrare degli splendori e degli avveni­menti
lieti e tragici di cui erano state testimoni e che ormai non ricordava più
nessuno, nemmeno le leggende.
Desirée, attorniata dai mostriciattoli in rispettoso
silenzio, avanzava piano, quasi in punta di piedi ammirando attonita la
straordinaria bellezza delle architetture che aumentava a ogni sala, dando ogni
volta l’illusione di essere giunti a destinazione, facendo nello stesso tempo
presagire che dietro la prossima porta si celava qualcosa ancora più stupefacente.

La prima sala non era molto grande aveva le pareti
interamente decorate con sottili mosaici e rilievi di belve feroci in lotta tra
loro e con creature fantastiche, unicorni, draghi, lupi, gatti giganteschi, e
uccelli fantastici. Pochi e larghi gradini portavano alla sala successiva, più
grande ricoperta da eleganti fiori notturni che si arrampicavano lungo le alte
pareti dove sembravano essere stati cristallizzati da un’improvvisa gelata
che ne aveva ghiacciato i petali insieme

alle ali delle falene che li popolavano. Un portone d’argento annerito dal
tempo conduceva alla sala successiva dove tra le colonne pendevano ancora
grandi arazzi sbiaditi e lacerati dal vento, raffiguranti scene di guerre ed
eroi ormai dimenticati.

Il successivo portale era scolpito nel cristallo di rocca e
in passato doveva avere avuto i battenti d’argento, adesso erano neri e
polverosi, le pareti e il soffitto erano completamente ricoperti da
straordinari intrichi geometrici d’intarsi d’oro e cristallo riproducenti le
costellazioni della Via Lattea, in fondo si apriva un altro portone maestoso
decorato in filigrana d’oro che scintillava opaco in quel totale abbandono.

Aprirono la porta, la sala era se possibile ancora più ampia,
lungo tutto il lato destro pendevano degli specchi in eleganti cornici d’oro,
alti quasi quanto le finestre che si aprivano sul lato opposto, un tempo doveva
essere stata sfarzosa, ma non era questa la sua particolarità: sul pavimento in
argento annerito si snodava per tutta la lunghezza della sala una maestosa raffigurazione
del Yggdrasil che reggeva i nove mondi racchiusi in cerchi d’oro, al centro dei
quali si trovava il Midgard, proprio per questo detto Terra di Mezzo. Il regno
o mondo più vicino all’ingresso era un po’ spostato verso sinistra.



 

sfoglia
novembre        gennaio